Conferenza Contramm. Antonio Peri - Biblos Monterosi

Vai ai contenuti

Conferenza Contramm. Antonio Peri

ATTIVITÀ > 2024
Conferenza del Contramm. Antonio Peri
Il terrorismo jihadista in Europa


Sabato 24 febbraio 2024, si è svolta presso la Biblioteca una conferenza del Contramm. Antonio Peri intitolata “Il terrorismo jihadista in Europa”.
 
Il Presidente dell’Associazione Biblos, Amm. Edoardo Giacomini, dopo aver ringraziato i numerosi ospiti intervenuti, tra cui diversi soci della Sezione UNUCI di Monterosi, ha rivolto il benvenuto al relatore, Ammiraglio medico in congedo del corpo sanitario della Marina Militare specializzato in psichiatria e abilitato alla psicoterapia.
 
Dopo aver preso la parola, il relatore ha spiegato e commentato il titolo e le ragioni della scelta, proprio per l’importanza assunta dal terrorismo jihadista in Europa negli ultimi anni, presentando i principali attentati compiuti dalle organizzazioni islamiste dall’11 settembre 2001.
 
Ha poi approfondito il significato antropologico-culturale degli attentati islamisti commessi con le c.d. “armi bianche”, cioè coltelli, machete, asce, mannaie e in particolare si è soffermato sulle decapitazioni nella storia dell’islam antica e recente, sul simbolismo della spada, sulle radici culturali e storiche da cui derivano.
 
Successivamente, ha illustrato i concetti chiave della ideologia jihadista: il monoteismo assoluto (tawheed), la sovranità assoluta di Allah (hakimiyya), la dottrina di lealtà e ostilità (al-wala’ wa-l-bara’), la scomunica per empietà (takfir) e la jihad (guerra difensiva e offensiva).
 
Centrale è il monoteismo e l’autorità assoluta di Dio che richiede la totale sottomissione e l’osservanza di tutte le sue leggi (la sharia) per essere un vero musulmano. Nell’islam, politica e religione coincidono e il califfato ha riassunto in sé questi due aspetti per gran parte della storia islamica.
 
I temi trattati hanno suscitato l’interesse del pubblico presente che è più volte intervenuto con stimolanti riflessioni e domande.

Servizio fotografico curato da Daniele Limongelli
Torna ai contenuti